F i l a s t r o c c a n d o 

C'era un uomo molto grasso,
faticava a fare un passo,
la sua ombra era un pallone:
conteneva sei persone.
Poi quell'uomo dimagrito,
ora magro come un dito,
la sua ombra un bastoncino:
non ci sta neanche un gattino
.

 

Pippo, pesce ragioniere,
conta, conta tutto il giorno:
ma che cosa pu contare?
Tutto quel che vede intorno!
Pesci, bolle, granchi, onde,
seppie, polipi, alghe, scogli:
per spesso si confonde,
s'ingarbuglia negl'imbrogli.
Prima prova un dispiacere,
ma non molla, non si arrende,
perch un pesce ragioniere,
e a contare lui riprende!

 

Due braccia che m'abbracciano,
due labbra che mi baciano,
due occhi che mi guardano,
e mani che accarezzano
e sento un buon odore
e sento un bel sapore:
la mamma
questo per me
e molto altro ancora:
la mamma una dolcissima signora.

C' un uomo grande:
gli faccio le domande.
C' un uomo grosso:
gli salto addosso.
C' un uomo attento:
gli soffio il vento.
C' un uomo quieto:
gli dico il mio segreto.
C' un uomo in casa mia
che mi fa compagnia.
Chi ? Chiss?
E' il mio pap!

Cavalluccio cavallino,
sulla sella c' un bambino,
un bambino cavaliere
sul cavallo ginocchiere,
che cavalca notte e giorno
nell'andata e nel ritorno,
che cavalca a cavalcioni
sui cavalli ginocchioni,
che cavalca in su e in gi
e poi non cavalca pi! 

Salgono i piedi per la salita,
passo per passo finch finita.
Scendono i piedi per la discesa,
gi verso il basso che il passo non pesa.
Piedi leggeri, passi pesanti,
lungo i sentieri che portano avanti.
Passi di marcia rivoluzionaria:
testa per terra, piedi per aria.

 
Bianca cosa luminosa
cala silenziosamente,
leggermente si riposa
sulle cose sulla gente.
Bianca meraviglia muta
che si guarda con stupore,
luce in terra ricaduta
che ti fa battere il cuore.

Vado a scuola, vedo amici,
gioco, parlo, imparo, rido,
pi si , pi si felici:
degli amici io mi fido.
La maestra ha bei capelli,
un'amica un po' pi grande:
lei ci insegna ritornelli,
lei risponde alle domande.
Vado a scuola, vedo cose,
le disegno con colori,
sento storie misteriose,
e alla fine torno fuori.

Dito dito
un po' ferito,
dito dito
un po' malato,
soffio soffio
per maga,
e il malanno
vola via,
soffio soffio
piano piano
e il dolore
va lontano.

   

Sentila, soffia,
sentila, sbuffa:
dolce ti graffia,
un'aria buffa.
Senti che voce,
senti che fiato,
vento veloce,
vento fatato.
Senti carezza,
senti spintone,
aria di brezza,
vento burlone.   

 

LA FILASTROCCA DEI MESI 
 
Gennaio porta il ceppo e la Befana;
Febbraio Carnevale e tramontana;
Marzo le pratoline e le viole;
Aprile le rondinelle e il dolce sole.
Maggio salutan gli uccellini in coro;
Giugno ha tra il fieno lucciolette d'oro;
Luglio biondo di grano al sole;
Agosto porta frutta dolci e buone.
Settembre ha l'uva d'oro e di rubino;
Ottobre poi la pigia dentro il tino;
Novembre porta i fiori al camposanto;
Dicembre culla i semi sotto il manto.

Scende un bacio sulla fronte
come un falco sopra il monte!
Salta un bacio sul tuo occhio
come il grillo di Pinocchio!
Cade un bacio sul tuo naso
come una goccia nel vaso!
Ti d un bacio sulla guancia
col sapore dell'arancia!
Ti d un bacio sulla bocca,

col sapore di albicocca